Mondo piccante

Il peperoncino arrivò in Europa stivato nelle caravelle di Colombo che tornavano nel vecchio continente, nel 1514. Il nome con il quale era chiamato in tutto il nuovo mondo era "chili" e così è rimasto.
Il primo occidentale che conobbe sulla lingua il sapore piccante del peperone fu il medico della seconda spedizione di Colombo, Diego Alvaro Chanca, che lo usò come condimento nel 1494.
Fino al secolo sedicesimo, nessuno dei grandi popoli della civiltà occidentale aveva mai potuto aromatizzare le sue vivande con l'apporto di questo vegetale allegro, umile, vivificante.
Il peperoncino acutissimo al gusto apparve subito adatto per conservare e insaporire le vivande: tant'è che il Mattioli, medico senese autore di un famoso trattato sulle piante del 1568, ne parla già come di una pianta comune, chiamandolo pepe cornuto o pepe d'India. 
Comincia da qui la difficile e intricata questione della nomenclatura a proposito del nostro frutto, che troverà solo con la sistematica di Linneo, nel settecento, il definitivo nome scientifico di "capsicum".
In brevissimo tempo la coltivazione del pepe d'India si diffuse nei paesi del mediterraneo, favorita dal clima e dal sole.
Attecchì benissimo nel nostro Sud, dove il peperoncino è rimasto, quasi ovunque, l'aroma preferito, e in tutta l'Africa settentrionale.
Oggi, è venduto in quantità in qualunque mercatino della Tunisia, Algeria, Libia, Egitto, Marocco.

 


 

 

Scelti da INITALYFOOD rigorosamente Made in Italy:

Crema di NAGA MORICH: Il peperoncino Naga Morich è una varietà di Bhut jolokia, originaria dell’India, ottenuta da esso tramite miglioramento genetico. Sicuramente tra i peperoncini più piccanti al mondo: ha detenuto il record di peperoncino più piccante, raggiungendo oltre 1.100.000 Unità Scoville, ed è stato superato ufficialmente (nel Guinness World Record) solo dal Trinidad Scorpion ButchT e dal Carolina Reaper Smokin’ Ed.



Crema di HABANERO ROSSO: Peperoncino molto piccante dal colore rosso acceso che può arrivare fino a 300.000 unità Scoville. E' il più diffuso e famoso tra gli Habanero. L'Habanero Red Savina deteneva il record di piccantezza fino alla scoperta dei Jolokia.



Crema di HABANERO GIALLO: E' una delle varietà più piccanti al mondo. Il portamento della pianta, che raggiunge gli 80-90 cm di altezza e i 90-100 cm di larghezza, è cespuglioso e irregolare. Varietà medio-tardiva, con frutti pendenti, di forma tipica che assumono belle gradazioni di colore durante la maturazione. I frutti, di 5,0 / 6,5 cm di lunghezza e 2,5 / 4,5 cm di larghezza, presentano colorazione da verde a giallo sulla stessa pianta, in funzione del grado di maturazione.


Crema di HABANERO CHOCCOLATE (o Black Congo): Habanero molto scuro tendente al marron-nero. E' mediamente piccante quanto gli altri habanero (2-300.000 SHU), tuttavia i più piccanti non raggiungono i valori del Red Savina. Il frutto è aromatico, poco meno degli Habanero rossi, è perfetto se utilizzato nelle salse.


Le sue doti
Ecco una lista delle straordinarie doti di questo prezioso frutto:
Carminativo (scaccia i gas dalla pancia);
Eupeptico (fa digerire bene);
Previene l' infarto;
E' afrodisiaco (aumenta il desiderio sessuale);
Fa abbassare la pressione alta;
Fa aumentare la pressione bassa;
Migliora l'emodinamismo;
Fa smettere di fumare;
Sollecita la coagulazione del sangue;
Protegge i capillari;
Cura l'ulcera gastrica e duodenale;
Cura le emorroidi e le ragadi;
Abbassa il colesterolo;
Indicato nelle prostatiti;
Cura le allergie e l'asma;
Evita le trombosi;
Cura la colite;
E' anticancerogeno;
Cura nevralgie, reumatismi, distorsioni, lombaggini, torcicollo;
Cura la gotta;
Aiuta gli alcolisti a smettere di bere;
Migliora la depressione e l'ansia;
Indicato nelle faringiti e laringiti;
Caduta dei capelli;
Distacco di retina;
Incontinenza urinaria;
E' diuretico;
E' diaforetico (fa sudare);
Cura la dismenorrea;
Otite;
Insufficienza epatica;
Psoriasi;
Stitichezza;
Herpes Zoster;
Vene varicose;
Cellulite;
Pellagra;
Malaria;
Colera;
Enfisema polmonare;
Cistopielite;
Allevia i dolori del parto;
Emicrania e cefalea;
Pulisce i denti;
Mal di mare;
Anoressia;
Obesità;
Ernia iatale;
Mal di denti;
Acne giovanile;
Sordità;
Apoplessia;
Tosse;
Abbassa i trigliceridi;
Diverticolite;
Geloni;
Raffreddore.


Come è conosciuto in Italia
Liguria: Peviuncin russu.
Lombardia: Peverone.
Piemonte: Peuvreun.
Emilia: Pevrun, Piviron.
Toscana: Zenzero, Pepe rosso, Pepe d'India.
Abruzzo: Pipidigno, Lazzaretto, Cazzariello Saittì, Pepentò Piccante.
Molise: Diavulillo.
Campania: Peparuolo.
Puglia: Peperussi, Pipazzu, Pipariellu, Diavulicchio, Zenzero.
Sardegna: Pibiri moriscu.
Sicilia: Piparieddu, Pipi russu 
Basilica: Diavulicchio, Francisello, Cerasella, Pupon, Zafarano, Mericanilì, Mecarillo.
Calabria: Pipi infernali, Pipi bruciante Canearedu, Spezzuzzu, Pipazzu, Pipi sfuscente, Pipariellu.  

Google